Ricerca vocale: cos’è e come funziona

Oggi sempre più persone utilizzano la ricerca vocale per ottenere informazioni o svolgere un’operazione. Questa applicazione permette infatti di risparmiare tempo e grazie agli sviluppi nei settore dell’intelligenza artificiale e del machine learning è sempre più precisa

La ricerca vocale è uno strumento che si è diffuso notevolmente negli ultimi anni. Si tratta, infatti, di un’applicazione pratica ed efficace che permette di risparmiare tempo. Si utilizza per svolgere diverse operazioni oppure per ottenere informazioni senza dover digitare sullo smartphone o sulla tastiera del computer. Ad esempio, quando siamo per strada possiamo chiedere a Google dov’è il benzinaio più vicino. Vediamo quindi cosa significa voice search e perché il riconoscimento vocale rappresenta un’estensione molto importante anche nel campo del digital marketing.

Cos’è la ricerca vocale

La funzione di ricerca vocale permette di interagire con un software esclusivamente tramite la propria voce. Attivando con una parola chiave l’assistente vocale – l’esempio più classico è ok google – si possono impartire diversi comandi vocali. Per poi ottenere risposte rapide e pertinenti. Ma perché utilizzare la ricerca vocale? Sicuramente per la sua praticità e rapidità. E poi perché, oggi, capita sempre più di frequente di dover ottimizzare i tempi. La ricerca vocale permette di farlo, ad esempio consentendoci di ottenere un’informazione mentre stiamo guidando.

La ricerca vocale è migliorata dal punto di vista della precisione negli ultimi anni grazie allo sviluppo della ricerca nell’ambito dell’intelligenza artificiale e del machine learning. Oggi gli assistenti vocali sono in grado di rispondere in un modo abbastanza fluido, imitando il linguaggio naturale. Inoltre, tengono traccia delle abitudini degli utenti e “imparano” in base all’esperienza, offrendo un feedback sempre più preciso. I comandi vocali vengono infatti elaborati dagli assistenti che memorizzano gli elementi necessari per indirizzare al meglio la ricerca.

La ricerca vocale di Google

La funzione di ricerca vocale su Google è una delle più diffuse e utilizzate. L’app si può scaricare facilmente e gratuitamente da Google Play. Funziona come assistente per Google, Wikipedia, Youtube, galleria di immagini e altre app installate sul proprio dispositivo. Può inoltre essere attivata anche su Google Chrome, tramite il proprio account Google, in modo da sfruttarla anche da pc. Dopo aver aggiornato il browser alla versione più recente, per utilizzarla è sufficiente cliccare sul simbolo del microfono nella barra di ricerca di Google. La maggior parte dei pc è dotato di microfono integrato: in questo caso non è necessario utilizzare un dispositivo esterno.

Dopo aver effettuato la ricerca, si ottengono i risultati nella Serp di Google, come quando si effettua una ricerca tramite tastiera. In questo caso, quindi, è comunque l’utente a scegliere poi tra le risposte fornite dal sistema. Mentre, in presenza di assistenti vocali, si ottiene una risposta a voce già selezionata dal software dotato di intelligenza artificiale. Anche altri browser consentono di effettuare la ricerca vocale. Ad esempio Mozilla, tramite lo strumento Firefox Reality. Allo stesso modo, si seleziona l’icona del microfono per poi pronunciare i termini della propria ricerca.

Gli ambiti di applicazione

L’ambito di applicazione della ricerca vocale non si limita alle ricerche su Google. Tra gli altri assistenti vocali possiamo ricordare Siri, Alexa, e quindi di conseguenza tutto l’ambito dell’Internet  delle Cose. Anche nel settore del digital marketing la ricerca vocale ha assunto una crescente importanza, perché permette di accedere ai servizi in modo rapido ed efficace. Semplificando la vita degli utenti, anche quando non hanno grandi competenze informatiche.

Chi si occupa di marketing deve anche curare la Voice Search Optimization (VSO), un’attività che permette di migliorare i contenuti delle risposte degli assistenti vocali. Si tratta di una estensione della SEO: per ottenere un buon posizionamento, il contenuto deve essere ben indicizzato.